Casal Bruciato, Saviano accusa la Polizia di essersi “ridotta a servizio d’ordine di un partito”. La risposta: “Serviamo il Paese. Che pena leggere commenti affrettati e ingenerosi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Animato botta e risposta in serata tra la Polizia di Stato e Roberto Saviano sulla vicenda della casa assegnata ad una famiglia rom nel quartiere di Casal Bruciato a Roma. “Parole ambigue dal MinistroDellaMalaVita – scrive dal suo profilo Twitter lo scrittore – su CasalBruciato per non indispettire i cani feroci di CasaPound che minacciano donne e bambini. E la @poliziadistato che sequestra striscioni e telefonini, ridotta a servizio d’ordine per la campagna elettorale di un partito. Che pena”. Immediata la risposta della Polizia con un tweet: “La Polizia di Stato serve il Paese e non è piegata ad alcun interesse di parte. Chi sbaglia paga nelle forme prescritte dalla legge. Che pena leggere commenti affrettati e ingenerosi per dispute politiche o per regolare conti personali”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA