Casale Monferrato, baby gang festeggia il compleanno picchiando un commerciante. Aveva sgridato i quattro ragazzi perché facevano troppo rumore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lo hanno picchiato, spingendolo a terra e sferrandogli ripetutamente calci e pugni per festeggiare un compleanno. Dopo diversi minuti si sono fermati solo grazie all’intervento di altri giovani. Per questo una baby gang di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, composta da quattro ragazzi tra i 16 e i 17 anni, è stata denunciata dalla polizia con l’accusa di aggressione. Vittima del pestaggio un commerciante di 41 anni, che, secondo le prime ricostruzioni, in un precedente incontro avrebbe rimproverato i quattro che stavano facendo rumore fuori dal suo locale.

Il 41enne, dopo l’intervento di altri giovani che hanno messo in fuga il branco e chiamato le forze dell’ordine, è stato portato all’ospedale dove è stato ricoverato per una settimana, uscendo con una prognosi di 30 giorni per trauma cranico, ferita all’arcata sopraccigliare e trauma toracico con fratture costali. Il fatto risale ai primi di agosto, ma è stato reso noto solo ora con la denuncia della polizia ai quattro ragazzi, identificati grazie alle testimonianze e alle telecamere presenti in zona. Dopo i primi accertamenti, infatti, i poliziotti hanno reperito informazioni sui vestiti indossati dagli aggressori, riuscendo a rintracciare due dei ragazzi poche ore dopo. Per reperire ulteriori elementi a carico dei ragazzi è stato realizzato un album fotografico, fatto poi vedere alla vittima, in cui erano presenti sia i quattro che altri ragazzi compatibili per età e caratteristiche fisiche. Della gang fanno parte tre giovani di origini italiane, due gemelli di 16 anni e un 17enne, e un altro 16enne di origine albanese.

La rissa inizialmente sarebbe nata tra uno dei minori e il 41enne. Gli altri si sarebbero aggiunti solo in seguito, tentando da una parte di dividere i due e dall’altra aiutando l’amico sferrando calci. In totale il pestaggio è durato un paio di minuti. Ancora da chiarire se la colluttazione sia scaturita dal rimprovero fatto dal commerciante in precedenza o per l’euforia dei festeggiamenti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA