I furbetti del casello. Boom di stranieri che non pagano i pedaggi autostradali (monstre). I tedeschi i più scrocconi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Peccato che all’estero siano sempre gli italiani a passare per i furbi della situazione. Quanto accade in Italia per il pagamento dei pedaggi autostradali sembra far venire meno, almeno in parte, questa teoria, perché sono gli automobilisti stranieri i veri furbetti delle autostrade. Secondo un’indagine del magazine specializzato Quattroruote dal 2010 al 2014 i passaggi gratis sono aumentati del 28,2%, passando da 418 mila a 536 mila. In testa ci sono i tedeschi (21,9%), poi svizzeri (14,1%) e francesi (10,1%). Il conto più salato viene però pagato sempre dagli italiani che, dinanzi a questa evasione straniera, sono costretti a subire ogni anno aumenti monstre da parte dei signori delle autostrade.

Ma come fanno a evadere il pedaggio? Quattroruote spiega che vi sono quelli che si accodano ai veicoli sulle corsie riservate Telepass approfittando della sbarra alzata; c’è poi chi al momento di pagare sciorina le più svariate scuse per non farlo ottenendo in questo modo il ticket tramite cui pagare in un secondo momento via internet o al PuntoBlu. Cosa che nel 75% dei casi il pagamento non viene più registrato e va quindi riscosso tramite apposita procedura. Quando le autostrade non ricevono i pagamenti dovuti entra in scena la fotografia della targa per risalire al proprietario con i dati affidati a una società per il recupero crediti. Non è però così facile recuperare gli importi perché in alcuni stati la legge a tutela della privacy non permette di intervenire facilmente: è il caso di Romania, Turchia, Bulgaria e San Marino. Alla faccia della legalità.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA