Cashback, oltre 6 milioni di italiani hanno ricevuto fino a 150 euro di bonus. M5S: “La sospensione è un errore. Enorme riscontro tra i giovani. La misura si ripaga da sola”

Cashback
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La sospensione del meccanismo del Cashback è un grave errore. Ha stimolato l’uso dell’app Io, incentivando la digitalizzazione, e ha permesso a oltre 6 milioni di italiani di ricevere fino a 150 euro come bonus per i pagamenti elettronici realizzati”. È quanto affermano in una nota i portavoce del MoVimento 5 Stelle in Commissione Finanze alla Camera commentando lo stop all’incentivo sulle transazioni elettroniche (leggi l’articolo).

“L’incentivo ha avuto un enorme riscontro – aggiungono dal M5S parlando ancora del Cashback -, soprattutto tra i giovani ed è una misura che si ripaga da sola. I dati sui consumi avrebbero raggiunto i 14 miliardi entro fine 2022 con 2,5 miliardi di nuove entrate per lo Stato e senza introdurre nessuna nuova tassa. Fino ad oggi, sono 8,9 milioni i cittadini che hanno aderito con un totale di 784,4 milioni di transazioni e 16,4 milioni di strumenti di pagamento attivati”.

“Di fatto – aggiungono ancora parlamentari del Movimento commentando la decisione di Palazzo Chigi di sospendere il Cashback -, si sceglie inopinatamente di tornare al passato, invece di sostenere un programma anti-evasione che sta funzionando. Questa battaglia, evidentemente, non interessa ad altre forze politiche, abituate a riempirsi la bocca di lotta all’evasione senza mai passare ai fatti. Ci auguriamo che si torni indietro sulla decisione presa in Cabina di Regia”.

“L’incentivazione dei pagamenti elettronici –  ha sottolineato, invece, il deputato del Movimento 5 Stelle Luigi Iovino – si è rivelata, in poco tempo, il migliore e più efficace espediente per abbattere in maniera incisiva la cosiddetta ‘piccola’ evasione fiscale, che da sola ammonta a 10 miliardi di euro l’anno. Il Cashback, oltre a essersi dimostrato una misura di notevole portata, ha contribuito a incrementare il senso di responsabilità dei cittadini, oggi maggiormente consapevoli dell’importanza di uno scontrino o di una ricevuta fiscale anche per acquisti di poco valore”.

“Sospenderlo – ha aggiunto l’esponente M5S – è il peggior errore politico che si potesse commettere, oltre che un cattivissimo esempio agli occhi di tanti cittadini che avevano cominciato a credere sempre di più nell’importanza della moneta elettronica come moneta del futuro. Per non parlare del ritorno di cui hanno beneficiato i tantissimi cittadini che hanno usufruito del Cashback. Oltre 6 milioni gli italiani che hanno ricevuto fino a 150 euro di bonus. Un incentivo anche ai consumi che, in linea con il trend di questi primi mesi, avrebbero raggiunto i 14 miliardi entro fine 2022, facendo guadagnare 2,5 miliardi allo Stato”.

Leggi anche: Coro di critiche contro lo stop al Cashback. Draghi accontenta la Meloni. Patuanelli: “È un errore. Mi auguro si possa tornare indietro”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA