Caso Consip, rinviati a giudizio in cinque. Il processo inizierà il 15 gennaio. Imputati anche Lotti e il generale Del Sette. Prosciolto l’ex maggiore del Noe Scafarto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il gup del Tribunale di Roma, Clementina Forleo, ha rinviato a giudizio cinque persone nell’ambito dell’inchiesta sul caso Consip. A processo, tra gli altri, andranno l’ex ministro allo Sport, Luca Lotti, per favoreggiamento, e l’ex comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, per rivelazione del segreto di ufficio. Prosciolto, invece, l’ex maggiore del Noe, Giampaolo Scafarto, accusato di rivelazione del segreto, falso e depistaggio. Il processo, per tutti, inizierà a Roma il prossimo 15 gennaio. Imputati anche l’imprenditore Carlo Russo, per millantato credito, Filippo Vannoni, per favoreggiamento e per lo stesso reato, anche un altro alto ufficiale dell’Arma, il generale dei carabinieri Emanuele Saltalamaccia.

L’inchiesta è legata al filone relativo alla fuga di notizie sul fascicolo che era stato avviato dai pm di Napoli sul maxiappalto Consip. Per il gup il maggiore Scafarto non alterò i contenuti di un‘informativa con l’obiettivo di arrestare Tiziano Renzi, il padre dell’ex premier.  “Si tratta di errore sicuramente involontario – afferma il giudice nella sentenza – presumibilmente dovuto a una omessa correzione dell’informativa al momento della sua ultima stesura a meno di non voler attribuire all’imputato comportamenti del tutto illogici e anzi ‘schizofrenici'”. La Procura di Roma ha annunciato che impugnerà dinanzi alla Corte d’Appello la sentenza con cui il gup ha prosciolto Scafarto.