Caso Consip, sette richieste di rinvio a giudizio per la fuga di notizie. Rischiano il processo anche l’ex ministro renziano Lotti e i generali dei Carabinieri Del Sette e Saltalamacchia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Procura di Roma, nell’ambito dell’inchiesta bis sulla fuga di notizia del caso Consip, condotta dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Mario Palazzi, ha notificato 7 richieste di rinvio a giudizio a carico di altrettanti indagati. Nell’elenco compaiono i nomi dell’ex ministro renziano dello Sport, Luca Lotti, con l’ipotesi di reato di favoreggiamento, dell’ex comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette, con l’ipotesi di rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento,  e del generale dell’Arma, Emanuele Saltalamacchia, anche lui per favoreggiamento. La stessa richiesta è stata formalizzata anche a carico di Carlo Russo, Filippo Vannoni, Alessandro Sessa e Gianpaolo Scafarto.