Cassa Depositi, svolta al vertice. Bassanini si dimette, arriva Costamagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La quadratura del cerchio, dopo giorni di tira e molla, alla fine è stata trovata. Franco Bassanini è pronto a dimettersi dalla presidenza della Cassa Depositi e Prestiti per far posto al profilo sponsorizzato dal Governo, quello del banchiere Claudio Costamagna. La conferma è venuta dallo stesso premier, Matteo Renzi, che ha chiarito come Bassanini sarà reclutato a palazzo Chigi come consulente per la banda larga. Il passo indietro di Bassanini sarebbe la prova dell’accordo raggiunto tra l’esecutivo, che tramite il Tesoro è azionista all’80% della Cdp, e le fondazioni (azioniste al 18,4%), che avrebbero quindi ottenuto dall’Economia le garanzie che cercavano sui temi della redditività del loro investimento. A questo punto il nodo diventa la sostituzione dell’Ad Giovanni Gorno Tempini, al posto del quale il Governo vorrebbe piazzare l’attuale Ad di Bnl Fabio Gallia. Nei prossimi giorni è in calendario un Cda della Cassa. Da lì emergeranno le prime novità.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA