Cdp in cattedra, finanziata una scuola al giorno. Utile netto triplicato e oltre 270 miliardi di risparmio postale. L’Ad Palermo ricorda le iniziative contro la pandemia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’utile netto di Cdp è triplicato. La raccolta del risparmio postale è tornata a salire superando quota 270 miliardi. Cdp in quest’ultimo anno si è particolarmente impegnata per arginare le conseguenze economiche provocate dalla pandemia. Fabrizio Palermo (nella foto) e Giovanni Gorno Tempini, ad e presidente di Cdp, sono stati auditi ieri in commissione Vigilanza Cassa depositi e prestiti. “Finanziamo un progetto sulla scuola al giorno”, ha detto Palermo.

“Con il progetto di Social Housing abbiamo realizzato 2.300 nuovi alloggi sociali e 1.700 nuovi posti letto in residenze per studenti”. Il piano industriale 2019-2021 ha attivato 203 miliardi di risorse nel triennio. Sono state raggiunte 50mila imprese. L’obiettivo è raggiungerne 60mila. “L’anno in corso ha visto la Cassa impegnata in modo particolare – ha evidenziato Gorno Tempini – per contrastare i drammatici effetti negativi sull’economia del Paese provocati dalla pandemia. Anche grazie all’emissione obbligazionaria dedicata al Covid da 1 mld, Cdp ha immediatamente messo a disposizione delle imprese 7 miliardi di liquidità e 4 miliardi, attraverso Sace, di garanzie per l’export e la internazionalizzazione”.

L’utile netto di Cdp è triplicato dal 2015 al 2019, passando da 0,9 a 2,7 miliardi. Cresce il risparmio postale. Per il 2020 viene indicato uno stock oltre i 270 miliardi, con un aumento di 7 miliardi rispetto a fine 2019, il dato maggiore degli ultimi 10 anni. “Abbiamo scritto una lettera d’intenti con Tim finalizzata a dar vita alla società della rete unica nazionale, AccessCo, controllata congiuntamente. Stiamo andando avanti con il progetto, il tema non è semplice ma è di rilevanza significativa per il Paese”, ha detto Palermo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA