C’è un gattopardo sul Colle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Gaetano Pedullà

C’è un gattopardo sul Quirinale. E venti di cambiamento che soffiano pure sul Colle. Non facciamoci illusioni: non si tratta di Napolitano che dopo quasi un decennio lascia il Quirinale. Questo sarebbe davvero troppo. La novità però non è di poco conto. Il Presidente della Repubblica – una vita nel vecchio Pci e poi fianco a fianco con i D’Alema e i Bersani che l’hanno eletto due volte Capo dello Stato – improvvisamente cambia cavallo. Ciao bella ciao al partito che fu e mentre ci siamo anche alla Cgil della Camusso. Basta conservatorismi e corporativismi, dice Napolitano, saltando come un acrobata sul carro di Renzi. Bene, bravo, bis, possiamo dirgli dal piccolo pulpito di un giornale riformista come il nostro. I corporativismi, le lobby, i privilegi sono una palla al piede che l’Italia deve togliersi in fretta. Questo giornale è nato per dire queste cose tutti i giorni. Il cambiamento però deve essere vero. E non ispirato a seconda del tempo che fa, magari pensando che se tutto cambia nulla cambia per chi stava in sella e vuol restarci ancora. Chiedere più coraggio contro la disoccupazione dopo aver difeso per 40 anni l’articolo 18 è un buon gesto. Ma quanto convince poco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA