Centrale nucleare sotto attacco. Nella notte i russi hanno colpito Zaporizhzhia. Ma i reattori sono salvi. Zelensky: “L’Europa deve svegliarsi ora”

Centrale nucleare Zaporizhzhia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora una notte di guerra in Ucraina. Sotto attacco, da parte delle forze russe, è finita la centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa. L’offensiva di Mosca, che ha causato anche lo scoppio di un incendio in un edificio situato nel complesso, ha destato molta preoccupazione nel continente europeo e nel mondo. L’impianto, che si trova nei pressi della città di Enerhodar, secondo quanto riferito dalla Bbc citando le autorità ucraine, ora sarebbe sotto il controllo russo.

Colpita nella notte la centrale nucleare di Zaporizhzhia, è la più grande d’Europa

“L’esercito russo sta sparando da tutte le parti sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d’Europa”, ha scritto in un tweet il ministro degli esteri ucraino, Dmytro Kuleba. “È già scoppiato un incendio. Se esplode – ha continuato -, sarà 10 volte più grande di Chernobyl”.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha fatto sapere che “non sono stati segnalati cambiamenti nei livelli di radiazioni nell’impianto” di Zaporizhzhia. “L’autorità di regolamentazione ucraina ha affermato che un incendio nel sito non ha colpito le attrezzature ‘essenziali’”, ha aggiunto l’Aiea. “Un proiettile non identificato ha colpito un edificio dedicato all’addestramento e si è sviluppato un incendio localizzato che è stato spento dai pompieri”, ha specificato il direttore generale dell’Agenzia, Rafael Mariano Grossi.

“Faccio appello alle parti affinché si astengano da azioni che possano mettere in pericolo le centrali nucleari”, ha twittato Grossi, che si è detto “profondamente preoccupato”. In un aggiornamento Facebook, il servizio statale per le emergenze ucraino ha spiegato che l’incendio, che ha interessato alcuni piani di un edificio situato nel complesso della centrale, è stato spento. Non ci sono vittime.

Preoccupati anche i leader occidentali. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha parlato con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. “Il primo ministro ha detto che le azioni sconsiderate del presidente Putin potrebbero ora minacciare direttamente la sicurezza di tutta l’Europa”, afferma Downing Street in una nota. Johnson chiederà una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Anche il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha parlato con Zelensky. Biden “si è unito al presidente Zelenskyy nell’esortare la Russia a cessare le sue attività militari nell’area e consentire ai vigili del fuoco e ai soccorritori di emergenza di accedere al sito”, ha twittato la Casa Bianca nelle prime ore dell’attacco. “L’Europa deve svegliarsi ora”, ha affermato Zelensky pubblicando un video su Facebook.

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, afferma in una nota Palazzo Chigi, “condanna l’attacco scellerato da parte della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia”. “Un attacco – scrive il premier italiano – contro la sicurezza di tutti. L’Unione Europea deve continuare a reagire unita e con la massima fermezza, insieme agli alleati, per sostenere l’Ucraina e proteggere i cittadini europei”.