Centrodestra unito e vincente, i sondaggi premiano Berlusconi. Mentre 5 Stelle e Pd calano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’unità paga. E i risultati alle ultime Comunali suonano come un appello ai moderati: bisogna mettersi insieme per contrastare il Partito democratico e il Movimento 5 Stelle. Anche i sondaggi a livello nazionale premiano una eventuale coalizione di Centrodestra, formata da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia: insieme sono accreditati del 32,7% dei voti. Un vantaggio netto sui competitor: il M5S è al 28,4% in calo rispetto ai precedenti rilevamenti, ma comunque davanti al Pd che è crollato al 26,8%. E nemmeno un accordo con Alternativa popolare di Angelino Alfano aiuterebbe Matteo Renzi: il partito del ministro degli Esteri naviga sempre al 2,6%, quindi resterebbe escluso dal Parlamento visto che il Consultellum, la legge elettorale in vigore alla Camera, prevede una soglia di sbarramento al 3%. La vera incognita è proprio il sistema con cui si andrà a votare: con questi rapporti di forza è difficile immaginare una maggioranza, visto che Forza Italia e Pd non avrebbero i numeri per andare al Governo nemmeno con le larghe intese. Lo stesso modello tedesco, affossato a Montecitorio nonostante l’iniziale accordo trovato in commissione, non permetterebbe la formazione di una maggioranza. Qualsiasi calcolo, pertanto, deve tenere in conto come saranno eletti deputati e senatori.

Silvio gongola – La fotografia scattata dall’istituto Emg-Acqua per il Tg di La7, comunque, conferma il trend  di ripresa soprattutto per i forzisti: dopo molti mesi, il partito di Silvio Berlusconi ha messo la freccia operando il sorpasso sul Carroccio. E per l’ex presidente del Consiglio si tratta di un dato doppiamemte importante: il suo ritorno in campo, seppure in maniera non decisa, ha segnato un’inversione di rotta. Tanto che il Cavaliere è pronto a uno sprint per gli ultimi comizi in vista dei ballottaggi: l’obiettivo principale è la conquista di Genova per infliggere un duro colpo alla sinistra in una sua storica roccaforte e ai 5 Stelle, che vedrebbero la città di Beppe Grillo finire nelle mani del Centrodestra. Il dato dei sondaggi è significativo pure per un’altra questione. Gli azzurri erano bloccati al 13%, costantemente alle spalle dei leghisti capitanati da Matteo Salvini. La crescita di un punto percentuale non è clamorosa, ma indica una potenziale ripresa. I più ottimisti immaginano anche di poter tornare al 20%. In questo caso l’unità del Centrodestra non avrebbe rivali. Fermo restando che il dialogo è necessario per essere competitivi rispetto agli avversari.

Frammentazione – A sinistra del Pd la situazione resta complicata. Il Movimento democratico e progressista ha aumentato di quasi mezzo punto il consenso portandosi al 3,6%. Ma la divisione con Sinistra italiana, data al 2,2%, si fa sentire: un’alleanza potrebbe valere circa il 6%. Mentre una corsa solitaria del partito di Nicola Fratoianni è rischiosa: con questi numeri l’ingresso in Parlamento resta un miraggio. Solo che negli ultimi giorni le distanze tra le varie anime sembrano più profonde.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA