Chi ha seguito e spiato Sigfrido Ranucci? Chiesto l’intervento del Viminale. Giulietti: “I molestatori saranno denunciati”

Sigfrido Ranucci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Chi ha seguito e spiato Sigfrido Ranucci? Siamo certi che l’Osservatorio dei cronisti minacciati presso il Ministero dell’Interno sia già stato attivato e che presto i molestatori saranno denunciati”. Lo scrive su twitter Beppe Giulietti, giornalista, sindacalista e ed ex deputato, riferendosi a un’intervista al conduttore del programma di inchiesta di RaiTre pubblicata su La Notizia sabato 23 aprile.

Sigfrido Ranucci ha raccontato a La Notizia: “Il mio caposcorta ha scoperto tre persone che mi seguivano”

Nell’articolo, a firma di Klaus Davi, Sigfrido Ranucci ha raccontato. “Il mio caposcorta ha scoperto tre persone che mi seguivano e mi riprendevano durante un incontro con una fonte. Su questo indaga la Digos. Ma è la testimonianza che in questo periodo c’è un pericoloso e continuo attentato alla libertà di stampa cercando di colpire le fonti del giornalismo d’inchiesta. È successo con la sentenza del tar che vorrebbe che rendessimo ostensibili le fonti degli enti locali consultati nel corso di un’inchiesta su un avvocato della Lega”.

La circostanza riferita dal giornalista risulta particolarmente grave non solo per la sua incolumità, già gravemente esposta a molteplici rischi, tanto che vive sotto scorta per alcune minacce di morte ricevute, ma anche perché si prefigura chiaramente come un tentativo di controllare l’attività di inchiesta portata avanti dal programma Report che, come è noto, ha permesso di smascherare molteplici irregolarità commesse anche dalla nostra classe politica. Per fortuna lo stesso Ranucci ha promesso che Report non si fermerà di fronte a queste intimidazioni.

Il conduttore di Report è scortato dall’agosto dello scorso anno

Il vicedirettore di Rai3 e conduttore di Report, Sigfrido Ranucci, ad ottobre aveva rivelato che “da metà agosto” era stato messo sotto scorta, 24 ore su 24, raccontando che “c’è un buontempone che dal carcere avrebbe incaricato due killer stranieri”. “Sarebbe un personaggio che gestisce il narcotraffico, legato a famiglie di Ndrangheta” aveva rivelato ancora il giornalista (leggi l’articolo).