Chiesta l’assoluzione per Dolce e Gabbana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette anni dopo l’inizio dell’indagine a loro carico, il procuratore generale di Milano chiede l’assoluzione di Dolce e Gabbana. Un anno fa gli

stilisti erano stati condannati in primo grado a un anno e otto mesi di reclusione per omessa dichiarazione dei redditi, ma erano stati assolti per il reato di dichiarazione infedele dei redditi. Una condanna a sua volta arrivata a due anni da una prima assoluzione per lo stesso contenzioso fiscale, che era stata annullata a fine 2011 dalla Cassazione. L’indagine sui due stilisti e su altri cinque amministratori del colosso della moda, cui vengono contestati fatti relativi al biennio 2004-2005, era nata nel 2007 da una verifica fiscale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA