Ciak…a Montecitorio si gira 1993. Dopo la serie tv sugli scandali di Tangentopoli arriva il sequel. La Camera dei deputati diventa il set per la scena del cappio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Camera dei deputati diventa set cinematografico. A Montecitorio questa mattina, approfittando dello stop referendario, c’è un via vai di attori, comparse, fonici e costumisti per “1993”, il sequel della nota serie televisiva “1992”, che andrà in onda su Sky nel 2017.

A Montecitorio si sta girando la scena del cappio. Il 16 marzo 1993 durante il dibattito sulla questione morale, il leghista Luca Leoni Orsenigo espose in Aula un cappio da forca, agitandolo verso i banchi del governo. Alcuni deputati cercarono di raggiungere i banchi della Lega Nord e solo un fitto cordone di commessi impedì la rissa. Per il cast è stato confermato quasi tutto il cast di “1992” con Miriam Leone, Tea Falco, Guido Caprino e Stefano Accorsi. Il nuovo episodio parte dal lancio delle monetine all’hotel Raphael a Bettino Craxi. Poi viene raccontata l’inchiesta di Mani Pulite.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA