Cinque Stelle in missione stile Iene. Seguono il direttore del Tg1 e lo accusano di censura sull’inchiesta Consip: scatta l’accusa di intimidazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un servizio stile Le Iene sul direttore del Tg1, Mario Orfeo, con lo scopo di chiedergli perché abbia dato poco spazio all’inchiesta-Consip. Solo che gli autori del video sono due componenti della comunicazione del Movimento 5 Stelle: il giornalista Matteo Incerti e il camionista-videomaker Nicola Virzì, noto anche con il soprannome di Nick il Nero. Durante il filmato i due inseguono il giornalista, che però – probabilmente pensando che fossero davvero del programma Mediaset Le Iene accelera il passo per entrare nella sua auto.

Il caso ha ovviamente sollevato polemiche: “È gravissimo che dei dipendenti di un gruppo parlamentare, pagati con soldi pubblici, si siano finti giornalisti per meri interessi di partito”, hanno dichiarato i senatore del Pd. Il deputato renziano, Ernesto Carbone, ha incalzato: “Tra poco faranno picchiare i giornalisti non graditi?”.

Anche il senatore di Forza italia, Maurizio Gasparri, ha criticato l’operazione di comunicazione dei pentastellati: Già è grave fingersi giornalisti di una fantomatica testata quando non lo si è.  Ma è quanto meno penoso camuffarsi addirittura da ‘Iena’ per estorcere dichiarazioni al direttore del Tg1. Questi sono i metodi dei grillini! Intimidazioni contro chi osa dire la verità sul disastro 5 Stelle e falsità per infangare il lavoro di un giornalista”.

Il capogruppo alla Camera di Alternativa popolare, Maurizio Lupi,  ha usato parole altrettanto dure: “Siamo arrivati allo stalking di due dipendenti del gruppo del Senato che lo inseguono e lo filmano fingendosi giornalisti. E’ un metodo inaccettabile che da’ l’idea di come imposterebbero il rapporto con la stampa e con il servizio pubblico se mai i 5 Stelle arrivassero al potere”.

Il video di Mario Orfeo e le “Iene a 5 Stelle” 

https://www.youtube.com/watch?v=Of02gxG3c8Y