Coca Cola ritirata dai supermercati: un lotto di bottiglie della bevanda a rischio chimico

Coca Cola ritirata: un lotto della famosa azienda della bevanda analcolica è finito sott'osservazione del Ministero della Salute.

Coca Cola ritirata: un lotto in particolare è finito sotto osservazione del Ministero della Salute che attraverso l’azienda stessa ha fornito indicazioni nel caso i consumatori si dovessero trovare ad acquistare alcune delle bottiglie in questione.

Coca Cola ritirata dai supermercati: un lotto di bottiglie della bevanda a rischio chimico

Coca Cola ritirata dai supermercati

Un lotto di Coca Cola è a rischio ritiro dai supermercati. Il ministero della Salute ha emesso un modello di richiamo nei confronti di “Coca-Cola Original Taste“. Si legge nel richiamo: “Errata etichettatura – si legge nel modello di richiamo – il prodotto contiene zucchero. La bottiglia presenta il tappo rosso anziché nero e l’indicazione ‘zero zuccheri’ quando invece contiene zucchero”.

Un lotto di bottiglie della bevanda a rischio chimico

Il motivo della segnalazione è per “richiamo per rischio chimico”. La confezione che è sotto osservazione è da 9 bottiglie in vetro da un litro e senza zucchero con  lotto di produzione L2207087N. Il marchio del produttore è Coca-Cola Hbc Italia Srl, la sede dello stabilimento Nogara, in provincia di Verona (la data di scadenza: 7 luglio 2023). Le caratteristiche complete sono le seguenti:

  • data di scadenza 8-7-2023 lotto: L2207087N
  • data di scadenza 7-7-2023 lotto: L2207077N
  • soli lotti orari coinvolti: 01L2207087N, 02L2207087N, 03L2207087N
  • codice EAN bottiglia: 5449000000057
  • Codice EAN cassa: 5449000132512.

L’invito della Coca Cola è dunque quello di “verificare il numero di lotto riportato sul collo della bottiglia; qualora corrispondesse a quelli coinvolti vi invitiamo a contattare il nostro Numero Verde (800.534.934) per provvedere alla gestione”.

Leggi anche: Elezioni, Conte replica a Letta sulla mensilità extra dei lavoratori. Un altro round dopo l’attacco del segretario Pd sulla caduta di Draghi

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram