Commercialisti big e Paperoni. Sono scaduti ma inamovibili. Stipendi da favola a presidente e consiglieri. Prima i tentativi di proroga e poi l’aiuto dal Tar

commercialisti Miani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da quasi un mese sono definitivamente scadute le cariche del Consiglio nazionale dei commercialisti. I tentativi di ottenere una proroga, prima con degli emendamenti ai vari decreti emergenziali e infine nel decreto Sostegni che l’ha concessa all’Ordine dei giornalisti, sono fallite. I 5 Stelle alla fine hanno fatto muro. Stop dunque ai rinvii delle elezioni a causa del Covid. Ma alla fine il salvagente è arrivato ieri dal Tar e, nell’attesa di un nuovo regolamento, il presidente e i 20 consiglieri restano in sella, con tanto di retribuzioni dorate.

IL PUNTO. Guardando al solo rapporto 2019 sull’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, il reddito medio di un commercialista in Italia è di quasi 59.500 euro l’anno. Si passa infatti dai 101.170 euro in Trentino-Alto Adige ai 24.083 in Calabria. Notevoli del resto le differenze geografiche: 81.351 euro al Nord, 56.566 euro al centro e 30.357 euro al Sud. Un giovane poi, assicura più di un professionista, difficilmente supera i 25mila euro e dunque la media minima. Nel bilancio di previsione 2021 del Consiglio nazionale dei commercialisti, per gli organi dell’ente, dunque il presidente e i 20 consiglieri, sono previsti oltre 2,3 milioni di euro: una media di oltre 113mila euro a testa l’anno.

Più di quanto incassano mediamente i commercialisti Paperoni, quelli del Trentino. Notevole poi il prestigio degli incarichi. Il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani (nella foto), ad esempio, oltre a diversi incarichi ottenuti nel corso del tempo, a novembre è stato scelto dal ministro dem delle infrastruttute e trasporti Paola De Micheli come commissario liquidatore del Consorzio Venezia Nuova e della Costruzioni Mose Arsenale, traghettando il Mose verso la gestione da parte dell’Autorità per la laguna di Venezia.

Davanti alla mancata indizione di nuove elezioni e a un consiglio giunto al termine del mandato, i rappresentanti degli Ordini dei commercialisti di Foggia e Latina hanno chiesto al Ministero della giustizia di nominare un commissario, specificando che la sospensione delle elezioni disposta dal Consiglio di Stato sarebbe stata relativa solo agli Ordini locali. A salvare posto e compensi del presidente e dei consiglieri, a quanto pare mettendoli al riparo da eventuali provvedimenti da parte di via Arenula, proprio ieri però è arrivata la decisione del Tar, che ha accolto il ricorso di una commercialista di Pescara e annullato il regolamento per le elezioni dell’ente, ritenendo che non rispetti la parità di genere. Servono nuove regole per votare. E nell’attesa il vecchio Consiglio resta saldamente al suo posto.