Commissario antiratti. Tronca dichiara guerra ai topi. Multe fino a 500 euro anche a chi dà cibo a cani e gatti randagi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Campidoglio dichiara guerra ai ratti e a chi ne favorisce la diffusione. Non solo potenziamento delle attività di derattizzazione e disinfestazione, ma anche una serie di multe per chi agevola la diffusione di topi e ratti. “L’ordinanza prescrive, dunque, a tutti coloro che hanno la disponibilità o la titolarità di immobili e spazi – spiega il Campidoglio in una nota – siano essi privati, enti e amministratori di condominio, e ai proprietari, titolari o gestori di attività connesse alla produzione, conservazione o distribuzione di alimenti (come ad esempio bar, ristoranti, tavole calde, etc.) e di aziende ricettive dove si svolge l’attività di deposito, produzione, commercio e somministrazione di prodotti alimentari, comportamenti necessari (come ad esempio pulizia e manutenzione costante degli spazi, rimozione dei rifiuti, derattizzazione, etc.) a fronteggiare la prolificazione di ratti e topi. Il rispetto dell’ordinanza – spiega il Comune – sarà assicurato dai Municipi, a mezzo della Polizia Municipale e dei Dipartimenti di Prevenzione delle Asl, che nel caso di inadempienze potranno comminare sanzioni che vanno da 50 a 500 euro”.

Il commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, ha firmato un’ordinanza che rafforza l’azione di contrasto alle infestazioni di popolazioni murine (ratti e topi) e affianca le incessanti attività di derattizzazione e disinfestazione messe in campo negli ultimi mesi dall’Amministrazione e da Ama. L’obiettivo è quello di minimizzare l’utilizzo dei prodotti chimici nel rispetto dell’ambiente. Inoltre, viene ordinato di “eseguire lo sfalcio periodico dell’erba (almeno due volte all’anno) delle aree esterne alla proprietà o delle aree in conduzione; non abbandonare i rifiuti, con particolare riguardo a quelli di tipo organico, che devono essere conferiti negli appositi contenitori per la raccolta differenziata, attenendosi inoltre strettamente ai tempi previsti laddove sia attiva la raccolta porta a porta; provvedere ad idonea e periodica pulizia sia dei contenitori di raccolta del rifiuto organico che delle aree dove questi sono conservati”.

SCARICA L’ORDINANZA DEL COMMISSARIO

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA