Con la Boldrini la comunicazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Franco Bechis per  Liberoquotidiano.it

Laura Boldrini ha messo in piedi alla Camera una struttura di comunicazione che solo gruppi multinazionali possono vantare. Adesso cerca un fotografo nuovo che pagherà 150 mila euro l’anno. Ma da quando c’è lei l’informazione e la trasparenza del palazzo sono diminuiti fino a spegnersi al lumicino.

Basta vedere il bollettino degli organi collegiali, quello dove si parla di soldi ai deputati e di appalti: non esce più da novembre, con ritardo record. E quando esce c’è solo il riassunto e non più il verbale delle discussioni.

Zero trasparenza dunque a costo record. Ma la Boldrini, che ha rifiutato il nostro invito su L’Abitacolo per discuterne, tira diritto e ci preferisce tutti ciechi, sordi e muti: il suo ideale di informazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA