Conte rassicura gli industriali. “Non siamo una banda di scriteriati, mai valutata l’uscita dall’euro”. E sulla manovra: “Sì a reddito di cittadinanza e riforma fiscale”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La giornata delle rassicurazioni. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella giornata di ieri ha prima partecipato alla Fiera del Levante a Bari, dove ha assicurato che la prossima manovra includerà riforma fiscale e reddito di cittadinanza, poi al Forum Ambrosetti a Cernobbio ha rassicurato gli industriali.

“E’ stato detto che volevamo uscire dall’Europa e dall’euro. Vi svelo un aneddoto – questa la rivelazione di Conte a Cernobbio – dal primo incarico ho incontrato in via riservata il ministro Savona, volevo conoscerlo. Siamo stati un paio d’ore una sera tardi a confrontarci. Vi posso assicurare che non abbiamo mai valutato l’uscita dall’Euro e il distacco dall’Europa. Noi vorremmo essere giudicati dai fatti – ha affermato Conte – Leggo a volte sui giornali di discussioni che avrei avuto con i ministri, ricostruzioni di fibrillazioni. Non ci sono nei nostri incontri grandi discussioni, ma solo dialogo. Siamo tutte persone ragionevoli, non una banda di scriteriati“.

In mattinata il premier era stato a Bari dove gli sono stati chiesti chiarimenti sulla prossima manovra: “So che c’è molto fermento e curiosità, non posso anticipare i dettagli della manovra economica, ma la curiosità sarà appagata a breve con la presentazione della legge di stabilità, ma voglio solo chiarire che siamo consapevoli che le prime vittime dell’instabilità finanziaria sono la produzione e i commerci che soffrono delle incertezze delle prospettive, dell’alto costo del denaro e della difficoltà a reperirlo. Faremo una manovra seria, credibile, terremo i conti in ordine ma saremo molto coraggiosi”. Una cosa sembra piuttosto certa: “Reddito cittadinanza e riforma fiscale saranno due pilastri con cui lavoreremo per sagomare una manovra economica che realizzi anche misure di equità sociale”.