Coronavirus, 11 i pazienti ricoverati allo Spallanzani. I casi accertati di contagio sono 3. Ippolito: “In Italia non c’è circolazione locale del virus”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo Coronavirus, sono tuttora nella terapia intensiva del nostro Istituto. Le loro condizioni cliniche sono ancora invariate, con parametri emodinamici stabili. Sono attualmente in trattamento antivirale con il farmaco remdesivir. La prognosi è tuttora riservata”. E’ quanto riferisce l’ultimo bollettino medico sulla coppia di cinesi colpiti da coronavirus ricoverata nell’istituto Spallanzani.

“Nella giornata di ieri – scrivono i medici – è stato trasferito nel nostro Istituto dalla struttura dedicata della Città Militare della Cecchignola un cittadino italiano di sesso maschile, risultato già positivo al test di screening per nuovo coronavirus effettuato dal laboratorio militare. Il risultato è stato confermato dal laboratorio di virologia del nostro Istituto e successivamente dall’ISS come previsto dalle attuali procedure. Il paziente è in buone condizioni generali; presenta lieve febbricola e lieve iperemia congiuntivale. Il quadro clinico e quello radiologico polmonare sono negativi. Il paziente inizierà in giornata terapia antivirale”.

“In Italia non c’è circolazione locale del virus. Abbiamo un soggetto che ha sviluppato i sintomi in Italia, ma alla Cecchignola ha avuto pochissimi contatti con altre persone. Tutte le persone alla Cecchignola verranno seguite con un protocollo unico tra lo Spallanzani e le autorità militari” ha detto il direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito (nella foto), nel corso di una conferenza stampa. “Non abbiamo importazioni di casi – ha aggiunto – , abbiamo importato un soggetto che ha sviluppato i sintomi del Coronavirus dopo il ritorno in Italia, non ci sono casi acquisiti sul territorio nazionale. In Italia non c’è circolazione locale del virus”.

Al momento, riferisce l’ultimo bollettino, sono 11 i pazienti tutt’ora ricoverati allo Spallanzani: 3 sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola); 5 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato; 3 sono pazienti che, risultati negativi al test, rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici. Continua la quarantena per le 20 persone che sono state contatti dei due coniugi cinesi attualmente ricoverati nella nostra terapia intensiva.