Coronavirus, a Roma i Carabinieri arrestano 7 persone per aver violato le misure di prevenzione imposte dal decreto di Palazzo Chigi. Giocavano a carte in strada. Altri 43 sono stati denunciati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette persone sono state al momento arrestate a Roma e provincia e altre 43 sono state denunciate in stato di libertà nell’ambito dei controlli eccezionali disposti in seguito all’emanazione del decreto di Palazzo Chigi per il contenimento dell’epidemia di Coronavirus. Il bilancio, provvisorio, riguarda la sola attività svolta dai Carabinieri nella Capitale. I sette, tutti stranieri, sono stati arrestati in zona Eur, vicino alla Metro B, dove i carabinieri li hanno sorpresi mentre giocavano a carte seduti sulle panche e intorno ad un tavolino. Il gruppetto, dopo aver tentato invano di allontanarsi per sfuggire ai militari, è stato fermato per il controllo. Sempre a Roma, tra i 43 denunciati in stato di libertà, ci sono anche alcune giovani coppie che viaggiavano in auto senza fornire validi motivi di necessità, così come previsto dal Dpcm. Altre sono state denunciate tra i quartieri di Centocelle, Cinecittà, Tor Pignattara e in provincia.