Coronavirus, Conte e Azzolina confermano: le scuole e le università resteranno chiuse a partire da domani e fino al 15 marzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Abbiamo deciso prudenzialmente di sospendere l’attività didattica fuori dalla zona rossa da domani fino al 15 marzo”. E’ quanto ha annunciato la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in conferenza stampa a Palazzo Chigi insieme al premier Giuseppe Conte confermando le indiscrezioni di poche ore fa.  “Per il governo – ha aggiunto la ministra – non è stata una decisione semplice. Abbiamo aspettato anche il parere del Comitato tecnico scientifico e abbiamo deciso prudenzialmente, visto che la situazione epidemiologica cambia velocemente, di sospendere le attività didattiche fino al 15 marzo. So che è una decisione d’impatto ma mi impegno affinché il servizio pubblico essenziale venga fornito seppur a distanza a tutti gli studenti”.

“Questa mattina con tutti i ministri ci siamo riuniti per valutare un aggiornamento sull’emergenza sanitaria e ho richiesto anche la presenza del presidente dell’Iss Brusaferro, che ci ha aiutato a valutare la situazione attuale, l’andamento del contagio” ha aggiunto il presidente del Consiglio. “Un’ampia parte è stata dedicata al capitolo delle scuole, abbiamo fatto un’ampia valutazione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA