Coronavirus, il grande oculista Stirpe vede lontano: “Ne possiamo uscire. Non esageriamo con l’allarmismo, ce n’è in giro fin troppo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non esageriamo con l’allarmismo, ce n’è in giro fin troppo, ma per difendersi efficacemente dal coronavirus è molto utile difendere i nostri occhi e le mucose con pochi facili accorgimenti. A spiegarlo, gettando acqua sul fuoco di una psicosi che sta paralizzando il Paese, è il professore Mario Stirpe, uno degli oculisti italiani più apprezzati nel mondo e presidente dell’Irccs Fondazione Bietti.

Professore, la scienza non ci dà risposte univoche e le persone sono molto spaventate dall’epidemia. Quanto ci dobbiamo allarmare?
“Tutto quello che non conosciamo è naturale che faccia paura, ma sul coronavirus sappiamo già diverse cose. L’indice di mortalità è basso, e con poche eccezioni anche in Italia, colpisce più gli anziani che gli adulti e soprattutto i bambini. Evidentemente questi ultimi hanno una riserva di anticorpi ancora da sviluppare che frena l’insorgere della malattia. Su questa c’è però un aspetto che mi ha da subito incuriosito”.

Quale?
“Non è particolare che il primo medico a rendersi conto dl problema, Li Wenliang, sia stato un oculista?”

In effetti… E’ perché secondo lei un oculista è arrivato al punto prima di un virologo, per esempio?
“Questo non lo so, ma non c’è dubbio che il coronavirus si propaghi per via aerea e attraverso le mucose, come sono quelle degli occhi. Un veicolo formidabile di agenti patogeni, di cui non tutti si rendono conto. Basti pensare a quante volte in modo istintivo ci tocchiamo gli occhi o mettiamo le mani in bocca. Non sempre nelle migliori condizioni igieniche”.

Per proteggere le mucose dovremmo indossare le mascherine con gli occhiali…
“Ma le mascherine servono a chi è malato per non diffondere il virus. Con chi è sano e vuole solo proteggersi non sono efficaci. Molto meglio invece seguire i consigli di buon senso forniti dalle autorità sanitarie, a cominciare dal lavarsi più spesso le mani”.

Lei è stato tanti anni all’Istituto superiore di sanità, e quindi ha concorso ad affrontare l’influenza aviaria e la Sars. Cosa c’è di diverso oggi da allora?
“La paura fu moltissima anche in quelle circostanze, e se ne venne fuori con provvedimenti a tutela della salute molto rigidi e dispendiosi. Ricordo bene le polemiche sull’acquisto di un gran numero di vaccini mentre divampava l’influenza suina, ma il risultato fu di uscirne presto e limitando ben altri danni. Sarà la stessa cosa anche oggi, sempre che non si alimentino all’infinito le preoccupazioni, alimentando il panico e compromettendo fortemente anche le attività economiche”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA