Coronavirus, l’Italia sta adottando le misure indicate dall’Oms. Nuovo vertice al ministero della Salute. Il direttore scientifico dello Spallanzani: “Non c’è nessun allarme”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La task-force del ministero della Salute sul coronavirus 2019-nCoV si è riunita questa mattina alla presenza del ministro, Roberto Speranza (nella foto). Presenti, tra gli altri, anche i vertici degli aeroporti di Roma Fiumicino, di Milano Malpensa e la Protezione Civile. E’ stato discusso il documento ufficiale dell’WHO/OMS, divulgato ieri, che ha deciso di non dichiarare al momento l’emergenza sanitaria globale e ha disposto alcune raccomandazioni. La task-force ha verificato che le misure adottate dall’Italia nei giorni scorsi erano già in linea con quanto indicato dalla stessa Organizzazione mondiale della sanità.

“Non c’è nessun allarme – ha spiegato il direttore scientifico dell’Istituto nazionale di Malattie infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito – tale da dover creare un sistema parallelo di gestione del coronavirus cinese. Un eventuale caso verrebbe trattato seguendo le stesse procedure messe in atto dalle Regione per le infezioni respiratorie gravi da virus non noto e l’influenza grave come la Suina o la Sars”.

Per quanto riguarda la turista italiana, ricoverata ieri a Bari dopo essere tornata da un viaggio in Cina, il Policlinico pugliese ha fatto sapere che potrebbe non trattarsi di un contagio da coronavirus. “La paziente sta bene – ha riferito il direttore generale dello stesso Policlinico, Giovanni Migliore – non ci sono problemi particolari, anche se rimane in isolamento da contatto e respiratorio. E’ stata documentata la presenza di un altro patogeno, il micoplasma pneumoniae, che presenta una sintomatologia sovrapponibile a sindromi virali. Siamo tranquilli e confidenti che anche i campioni inviati allo Spallanzani di Roma ci confermino che non si tratta di coronavirus”.