Corridoi umanitari, Viminale e Farnesina sottoscrivono un accordo con la Comunità di Sant’Egidio e la Cei per accogliere da Etiopia, Giordania e Niger 600 richiedenti asilo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È stato firmato al Viminale il protocollo d’intesa del progetto “Apertura dei corridoi umanitari”, sottoscritto tra i ministeri dell’Interno e degli Esteri, la Comunità di Sant’Egidio e la Conferenza Episcopale Italiana.  L’accordo consentirà l’arrivo in Italia di 600 richiedenti asilo, nell’arco del prossimo biennio, provenienti da Etiopia, Giordania e Niger. Si tratta della seconda fase del progetto iniziato il 12 gennaio 2017, che ha consentito il trasferimento nel nostro paese di 500 richiedenti asilo provenienti principalmente dall’Etiopia e che ha rappresentato una best practice a livello europeo.

“Sono contenta – ha detto Gerarda Pantalone (nella foto) che da capo del Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione è stata nominato prefetto di Roma – di aver firmato questo protocollo come ultimo atto del mio mandato. In linea con quanto sostenuto da questo Governo i corridoi umanitari rappresentano un importante canale legale per l’ingresso di persone che presumibilmente sono meritevoli di protezione, in particolare di bambini, nuclei familiari e soggetti più vulnerabili”.

Il protocollo prevede che le associazioni coinvolte cureranno l’individuazione e valutazione dei destinatari del progetto, in collaborazione con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), assicurando l’accoglienza e il sostegno nel processo di inserimento socio-culturale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA