Corte di appello: 2 anni di interdizione a Berlusconi ma il Pdl si ricompatta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte d’Appello di Milano ha determinato in due anni l’interdizione ai pubblici uffici per Silvio Berlusconi condannato definitivamente a 4 anni di reclusione per la frode fiscale nel processo Mediaset. La difesa di Silvio Berlusconi ricorrerà per chiedere l’annullamento dei due anni di interdizione dai pubblici uffici decisi oggi dalla Corte d’appello di Milano nell’ambito del processo Mediaset. Ma i due anni di interdizione sono serviti a ricompattare falchi e colombe del Pdl. “Ho sentito al telefono Berlusconi – ha detto Alfano – Il nostro leader e’ forte e determinato come sempre. Siamo tutti con lui, impegnati, oggi più che mai nella ricostruzione di un centrodestra, moderno, competitivo. Il nostro progetto va avanti e non sarà toccato da una sentenza che non priverà un leader del suo popolo e quel popolo del proprio leader”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA