Cortocircuito su Casapound, la Raggi intima al movimento di estrema destra di rimuovere la scritta dall’edificio che occupa ma alla Camera Lega e M5S bocciano un ordine del giorno sullo sgombero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla Camera, questa mattina, mentre la sindaca di Roma, Virginia Raggia, intimava a Casapound Italia di rimuovere la scritta dall’edificio di via Napoleone III che occupa da anni, il Movimento Cinque Stelle e la Lega hanno bocciato un ordine del giorno, proposto dal Partito Democratico, che impegnava il governo a sgomberare lo stesso palazzo occupato dal movimento di estrema destra e già inserito nella lista degli stabili da liberare stilata dalla Prefettura di Roma. L’ordine del giorno era stato proposto ieri dal dem Luciano Nobili nell’ambito della discussione sul decreto sicurezza bis. Riproposto oggi, con il parere contrario del Governo, l’Aula lo ha respinto con 362 voti contrari e 111 favorevoli.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA