Cosa Nostra si mangia i Balcani, anche per colpa dell’Europa. L’analisi di Razzante (Antiriciclaggio): “L’economia locale vola con i profitti illeciti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I Balcani sono da sempre terra di conquista, sia per le mafie sia per il terrorismo”. E questo perché “nessuno, a cominciare dall’Ue, ha mai voluto occuparsi di una regione dove non esistono controlli alle frontiere, né una regolamentazione contro il riciclaggio e contro le mafie”. L’analisi del professore Ranieri Razzante, presidente dell’Aira (Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio) e consulente della commissione Antimafia, è impeccabile. Tasselli dopo tasselli, il quadro delineato aiuta a comprendere appieno quale sia l’interesse della criminalità organizzata nei Balcani.

RANIERI RAZZANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA ANTIRICICLAGGIO
Ranieri Razzante

Sì, ma perché proprio qui?
Gli Stati privilegiati delle mafie sono quelli dove i controlli societari, finanziari e penali sono bassi. Nè ci dobbiamo dimenticare di un altro aspetto…
Quale?
Le criminalità sono alla continua ricerca di delocalizzazione. Una tendenza cominciata dieci anni fa e diventata ora più evidente a causa della crisi economia: è un’esigenza vitale.
In altre parole, alle mafie interessa la presenza sul territorio?
Esatto. Tutto nasce dalla storica e connaturata idea di potere.
Quasi come se il business sia secondario?
Si deve entrare nella logica che le mafie non perseguono prioritariamente la logica del profitto. Il riciclaggio non è profitto, nasce per occultare l’origine del profitto. L’obiettivo è far girare il denaro, vorticosamente, altrimenti lo beccano. Più giri fa e più diventa irrecuperabile.
Prima il potere e poi il guadagno, dunque?
Tenga conto che controllo del territorio e beneficio economico vanno di pari passo. L’uno richiama l’altro.
E questo torna anche nella vicenda slovacca, a suo modo di vedere?
Il giornalista (Jan Kuciak, ndr) stava indagando su attività connesse a energie alternative e fondi europei. Sono sempre le stesse. E questo perché sono attività che hanno un ciclo commerciale più frazionato e così posso infiltrare più imprenditori.
Di chi sono le responsabilità di tale stato dell’arte?
Innanzitutto delle autorità politiche locali che non adottano e recepiscono le indicazioni europee e del Gafi sull’antiriciclaggio.
Perché, secondo lei?
Ci sono troppe convenienze ad attrarre capitali straniere.
I dati del Pil, pubblicati ieri, dicono chiaramente che nei Balcani c’è una crescita esponenziale…
Sospettiamo che l’incremento del Pil sia per la maggior parte dovuto proprio ad attività illecite.
E l’Europa?
Parte della colpa è proprio dell’Ue:  non può consentire che ci siano Stati non collaborativi sotto il profilo del contrasto al riciclaggio. Senza dimenticare il testo unico antimafia che l’Europa non adotta.
Ma è stata avanzata una proposta in tal senso?
Sì, l’abbiamo proposto come commissione antimafia durante la presidenza italiana della Ue.
E da allora?
Non si è mossa una foglia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA