Abbassare la guardia contro il Covid potrebbe rappresentare un pericoloso boomerang. M5S: “Sì alla terza dose per tutti sulla base di evidenze scientifiche”

terza dose vaccini M5S
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Quello che sta accadendo in altri Paesi europei, a cominciare dalla Gran Bretagna, con un significativo aumento dei casi di Covid-19 ci ricorda che abbassare la guardia in questo momento potrebbe rappresentare un pericoloso boomerang”. Lo affermano in una nota le deputate e i deputati M5S in Commissione Affari sociali.

“Per questo – aggiungono – bisogna proseguire con la campagna vaccinale, il Green Pass, le mascherine e le misure di distanziamento. Sulla terza dose bisogna seguire quello che afferma la comunità scientifica: bene ha fatto il ministero della Salute, in accordo con quanto stabilito dall’Ema, a estendere il richiamo vaccinale a immunodepressi, over 60 e soggetti fragili”.

“Per quanto riguarda l’estensione della terza dose di vaccino al resto della popolazione sana – continua la nota dei parlamentari M5S – è essenziale aspettare che arrivino nuovi dati di supporto, come ha ricordato oggi il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro. La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi di popolazione non potrà che essere decisa sulla base dell’acquisizione di evidenze scientifiche e dell’andamento epidemiologico”.

“Se oggi l’Italia si trova in una situazione migliore rispetto ad altri Paesi europei – aggiungono i deputati del Movimento – è anche dovuto alla prudenza adottata dall’esecutivo Draghi, in continuità con quella del governo Conte, e grazie alla massiccia adesione dei cittadini alla campagna vaccinale. La pandemia non è finita e dobbiamo tenere alta l’attenzione”.

Leggi anche: L’Ema dà il via libera alla revisione del Molnupiravir. Potrebbe essere il primo antivirale per la cura dei pazienti Covid ad essere autorizzato nei paesi dell’Ue.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA