Crisi Grecia, dall’Eurogruppo di lunedì nessuna soluzione definitiva. Ma entro l’inizio di giugno serve l’accordo con Atene per le riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di fiducia sul salvataggio greco ce n’è tanta. Ma quella da sola non basta. Cresce l’attesa per l’incontro di lunedì a Bruxelles tra i quattro presidenti di Commissione Ue, Consiglio, Bce ed Eurogruppo oltre al presidente del Parlamento. Subito dopo l’Eurogruppo, previsto per le ore 15.

L’ORDINE DEL GIORNO
Il rapporto che i massimi rappresentanti Ue sul futuro dell’unione monetaria devono preparare entro giugno sarà all’ordine del giorno del summit. Da quanto emerso nelle ultime ore, però, la questione greca che sarà uno degli argomenti caldi del tavolo non vedrà la soluzione finale entro lunedì. I ministri discuteranno sulla base di un rapporto stilato dal Brussels Group sullo stato dei negoziati. La situazione generale sarebbe sensibilmente migliorata, ma ancora non è tale per poter essere definita in via di una risoluzione definitiva. Secondo quanto rivelato da una fonte dell’agenzia Reuters “l’Eurogruppo di lunedì cercherà di lanciare un messaggio positivo su un accordo con la Grecia da mettere soltanto a punto, tentando di evitare un nuovo scontro tra il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis e i suoi colleghi degli altri Paese europei”. Non dovrfebbero esserci problemi, invece, per quanto riguarda i soldi che servono alla Grecia per rimborsare martedì prossimo il Fondo monetario internazionale. Si tratta di 750 milioni di euro. Per il salvataggio della Grecia però occorre chiudere la partita entro l’inizio di giugno. Serve l’accordo sulle riforme con Atene, altrimenti verrebbero meno i tempi tecnici per approvare l’esborso di nuovi aiuti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA