Crollo sulle Dolomiti, distacco dal monte Pelmo: il soccorso alpino è intervenuto sul posto. Non si segnalano feriti o dispersi

Segnalato un crollo sulle Dolomiti: il distacco di materiale roccioso ha riguardato il versante occidentale del monte Pelmo.

Crollo sulle Dolomiti, segnalato un distacco dal monte Pelmo nella mattinata di martedì 9 agosto. In seguito al fenomeno che ha provocato la caduta di detriti, sul posto sono arrivati gli uomini del soccorso alpino e i vigili del fuoco che hanno verificato la sicurezza dell’area.

Crollo sulle Dolomiti, distacco dal monte Pelmo: il soccorso alpino è intervenuto sul posto. Non si segnalano feriti o dispersi

Crollo sulle Dolomiti, distacco dal monte Pelmo

Una valanga di roccia si è distaccata da uno dei versanti del Monte Pelmo, sulle Dolomiti di Zoldo, correndo furiosamente a valle. Il distacco ha generato un ingente e densa nuvola di polvere che si è alzata in Val Fiorentina e in Val di Zoldo, interessando i comuni di Selva di Cadore-Val di Zoldo. La nube, visibile anche da diversi chilometri di distanza nelle zone limitrofe al luogo interessato dal crollo, è stata avvistata in Val Boite e nella stessa Val Zoldana.

Sulla base delle informazioni sinora diffuse, il fenomeno si è verificato intorno alle ore 07:30 di martedì 9 agosto 2022 e ha riguardato la parete ovest del Monte Pelmo. La massa rocciosa, inoltre, si sarebbe distaccata dalla parte sommitale della vetta.

In particolare, il crollo sulle Dolomiti ha avuto origine tra Passo Staulanza e la forcella di Vallanza.

Il soccorso alpino è intervenuto sul posto: non si segnalano feriti o dispersi

In seguito al verificarsi del distacco sul monte Pelmo, sul luogo si sono prontamente recati gli uomini del soccorso alpino di Val Fiorentina al fine di verificare la presenza di feriti ed eventuali vittime. A quanto si apprende, il crollo sulle Dolomiti non sembra aver coinvolto escursionisti e non avrebbe, di conseguenza, provocato feriti né tantomeno morti. Il soccorso alpino, infatti, ha spiegato che le persone che dovevano mettersi in marcia per raggiungere i rifugi non erano ancora partite al momento del distacco. Inoltre, non sono pervenute segnalazioni di turisti dispersi o scomparsi.

Oltre agli uomini del soccorso alpino, il sito dell’incidente è stato raggiunto anche da alcune squadre dei vigili del fuoco provenienti da Belluno e da un elicottero Drago di Venezia che ha effettuato le verifiche necessarie a valutare la situazione e i criteri di sicurezza in quota.

L’evento è stato ripreso da un turista straniero che ha posta il video sui social media.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Romolo Del Zenero (@romolodelzenero)

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram