Crollo viadotto, familiari delle vittime del ponte Morandi: “Il Governo si impegni affinché il Paese sia messo in sicurezza e ogni viaggio non diventi una roulette russa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per pura casualità e per immensa fortuna non sono decedute altre persone innocenti, e non ci sono altri famigliari sprofondati nel dolore; i cittadini devono essere protetti. Vogliamo un impegno serio del nostro Governo e del Parlamento affinché il nostro Paese sia messo in sicurezza e ogni viaggio non diventi una roulette russa”. E’ l’appello lanciato al governo da Egle Possetti, presidente del Comitato ricordo vittime del ponte Morandi, a proposito del crollo del viadotto sull’A6. “Per noi ieri è stato come tornare indietro di 15 mesi – ha aggiunto – e ci ha lasciati ancora una volta senza fiato. Osservare il crollo del viadotto sulla Torino-Savona è stato come rivivere l’incubo di 15 mesi fa. Tante associazioni di famigliari deceduti per assurde tragedie aspettano un segno di inversione di rotta e di navigazione verso la giustizia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA