Da lunedì tutta Italia sarà gialla, tranne la Valle d’Aosta che resta arancione. Iss: “L’epidemia non si espande. Progressiva decrescita, lenta e continua”

Italia gialla Speranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da lunedì tutta Italia sarà gialla, tranne la valle d’Aosta che resta arancione. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà questa sera una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire dal 17 maggio. Le ultime due Regioni a passare in area gialla saranno la Sicilia e la Sardegna.

“L’Rt attuale a 0,86 rispetto allo 0,89 della scorsa settimana – ha detto il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa settimanale al Ministero della Salute (qui il video) -, l’intervallo di confidenza è sotto l’1. L’epidemia non si espande, quasi tutte le regioni sono sotto 1. I dati parlando di una decrescita riguardo i ricoveri in area medica, con l’occupazione siamo passati al 24% rispetto al 29 della settimana precedente”.

“Decrescita si registra nelle terapie intensive – ha aggiunto Brusaferro -, dal 27% di saturazione al 23. Solo tre regioni hanno saturazione sopra il 30. Nel nostro Paese si mostra una progressiva decrescita, lenta e continua. In tutte le regioni c’è una decrescita confrontando gli ultimi 14 giorni, questo si traduce in un’incidenza in decrescita. L’incidenza è a 96 per 100 rispetto ai 123 della settimana precedente. Dato positivo, stiamo decrescendo”.