Dal testacoda allo schianto. Volkswagen sempre più a fondo. Sono 11 milioni le vetture con le emissioni truccate. Il gruppo costretto ad accantonare 6 miliardi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da testacoda quello della Volkswagen si è trasformato in uno schianto. Secondo gli ultimi dati emersi ieri sarebbero 11 milioni le auto del colosso automobilistico tedesco truccate in giro per il mondo. Una cifra enorme, superiore alle immatricolazioni di un anno della casa di Wolfsburg, che si prepara ad accantonare 6,5 miliardi di euro nel terzo trimestre per far fronte alle spese legate allo scandalo delle emissioni, dalle multe ai possibili richiami di vetture.

IL QUADRO
Le indicazioni arrivano da parte della stessa società, che “sta lavorando con la massima celerità per chiarire le irregolarità connesse uno specifico software utilizzato con i motori diesel. Non tolleriamo violazione delle leggi in alcun modo: tutti i veicoli Euro 6 e successivi sono a norma” (il comunicato ufficiale e le accuse degli Usa). A gettare nuova luce sullo scandalo che sta investendo la casa tedesca è una rivelazione di Die Welt che – citando un’interrogazione parlamentare dello scorso luglio – ricostruisce come il governo tedesco sapeva che alcune marche usavano un software per aggirare i controlli sulle emissioni. Ma in quel caso non venivano fatti nomi, non si parlava di marche né di modelli specifici. Intanto, a seguito di questi costi inattesi, Volkswagen sarà costretta a rivedere le stime di utili per il 2015; parole che suonano minacciose per gli investitori, che tornano a punire il titolo con forti vendite dopo il tracollo di ieri, che ha eroso quasi 15 miliardi di euro di capitalizzazione (la multa paventata è di 18 miliardi di dollari). Il ceo Martin Wikterkorn, secondo la stampa tedesca, potrebbe esser fatto fuori entro fine settimana. La notizia è stata però smentita. Lo stesso Ad, in un videomessaggio, ha chiesto scusa per la “cattiva condotta”, promesso “franchezza e trasparenza massime” e domandato “fiducia per andare avanti”: “Sarebbe sbagliato se il terribile errore di pochi compromettesse il lavoro onesto di 600 mila persone”.

GLI SVILUPPI
La bufera non accenna dunque a scemare: dopo gli Stati Uniti, nuovi guai si prefigurano per la casa tedesca accusata negli Usa di aver barato sulle emissioni inquinanti del suo motore diesel. Bernard Sapin, ministro francese delle Finanze, ha detto che “serve un’inchiesta europea” sulla casa di Wolfsburg. Per “rassicurare i cittadini”, ha aggiunto parlando alla Radio Europe1, sarà “necessario” condurre controlli anche sugli altri costruttori europei.