Dalla Calabria al Veneto, ‘ndrangheta senza confini. Lupara bianca e armi nascoste nei freezer. Per i carabinieri i clan stavano progettando un altro omicidio

NICOLA GRATTERI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si ferma la battaglia della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. E con 12 fermi eseguiti all’alba di ieri dai carabinieri viene confermata la presenza stabile dell’organizzazione mafiosa calabrese anche nel Nord Italia. I provvedimenti, a carico di indagati ritenuti coinvolti nell’uccisione di Massimo Vona, 44 anni, scomparso nell’ottobre 2018 a Petilia Policastro e mai più ritrovato, sono stati infatti eseguiti tra Crotone e Verona.

Per la Dda, l’allevatore assassinato non era un affiliato, ma con i suoi comportamenti “di autonomia o resistenza costituiva un ostacolo per la consorteria del posto”, cercando di scoprire chi gli aveva incendiato la stalla e fatto morire cento pecore. Vona, secondo l’Antimafia, è stato attirato in un tranello e ucciso, probabilmente con due colpi di fucile caricato a pallettoni, come dedotto da alcune intercettazioni.

I carabinieri ritengono inoltre che la locale di ‘ndrangheta stesse anche pianificando un altro omicidio e il procuratore Nicola Gratteri ha evidenziato che ha ampia disponibilità di mitra e kalashnikov, armi nascoste all’interno di frigo e congelatori sotterrati in svariati punti del terreno.

Nei confronti dei fermati sono state formulate accuse di omicidio, estorsione, usura, delitti in materia di armi, furto e danneggiamento seguiti da incendio, tutti aggravati dal metodo e dall’associazione mafiosa. Un’inchiesta coordinata da Gratteri e portata avanti dai sostituti Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino.