Dalla Lega al M5S, quanti mal di pancia. Il Governo è tutt’altro che al sicuro

Tanto Lega quanto Movimento cinque stelle non possono più abbozzare dinanzi alle posizioni di Mario Draghi e dell’intero governo.

Governo Draghi fino alla scadenza naturale delle legislatura? Forse. Senz’altro non è scontato. I ragionamenti possono essere tanti e variegati: se da una parte incide il fatto che ormai siamo agli sgoccioli (si voterà nel 2023), se è altrettanto vero che per pochi mesi è difficile che un gran numero di parlamentari voglia rinunciare ad accumulare i mesi necessari per poi accedere al vitalizio; se tutto questo è vero, non si può non considerare gli effetti delle ultime elezioni amministrative.

CONFERENZA STAMPA DI MATTEO SALVINI SUI RISULTATI ELETTORALI

Governo Draghi fino alla scadenza naturale delle legislatura? Forse.

A cominciare da un fatto: tanto Lega quanto Movimento cinque stelle (che costituiscono quasi il 70% della maggioranza) non possono più abbozzare dinanzi alle posizioni di Mario Draghi e dell’intero governo che non sono congeniali o a Matteo Salvini in un caso, o a Giuseppe Conte nell’altro. E questo per due ragioni: da una parte si rischia di continuare a perdere elettori; dall’altra le guerre intestine rischiano di fare vittime illustri, partendo proprio dai leader.

Questa è ad esempio l’aria che si respira in casa Lega. Il giorno dopo l’esito delle comunali si è rianimata la “fronda” veneta nella Lega. Due esponenti del partito di via Bellerio, l’assessore regionale Roberto Marcato e l’europarlamentare Toni Da Re, hanno criticato aspramente Salvini, parlando di “dati imbarazzanti” della lista Lega nella consultazione e chiedendo che il segretario leghista vada in Veneto a spiegare la sua linea politica.

“Se arriviamo a questi numeri, qualcuno deve anche dire ‘Guardiamoci negli occhi’. Qui si parla della guerra in Ucraina, ma dobbiamo parlare della guerra nella Lega”, ha detto Da Re. A far più male però sono soprattutto i risultati referendari: una debacle totale su cui invece la Lega e Salvini credevano molto, tanto che il Capitano aveva quasi fatto più post e video per invitare al voto del referendum che per i suoi candidati nelle varie città. Questo è il motivo per cui adesso difficilmente la Lega sarà disponibile a trattare sulla riforma Cartabia.

Non a caso sono piovute valanghe di emendamenti e richiesta di voto segreto sulla riforma dell’ordinamento giudiziario e del Csm: tutte le armi parlamentari tipiche dell’opposizione al governo, e per di più contro un provvedimento che ingloba tre dei cinque referendum sulla giustizia sostenuto dalla Lega. Un paradosso? Assolutamente no. La volontà di riscatto e di voler colpire un governo – e degli alleati – non amato dal proprio elettorato.

Un problema che evidentemente si pone anche per il Movimento, in cui la discussione sull’appoggio al governo Draghi è iniziata da tempi non sospetti (e forse non si è mai interrotta). Il ragionamento che si fa è soprattutto uno: l’unico momento in cui, stando ai sondaggi, Conte ha recuperato qualche punto è quando si è chiaramente opposto all’invio di nuove armi all’Ucraina, scelta invece spalleggiata da Draghi. È nell’opposizione, dunque, o quantomeno nella volontà di non cedere il passo, che il Movimento ritrova i suoi aficionados.

Ecco perché, soprattutto su uno dei temi più identitari per il Movimento Cinque Stelle, quello del lavoro, del Reddito di Cittadinanza e adesso del salario minimo, non si accetteranno dietrofront di nessun genere, specie ora che la questione è diventata di attualità anche per l’Unione europea: l’idea è giungere a un risultato concreto, così da poterselo giocare anche nella futura campagna elettorale. Perché le elezioni non sono ancora dietro l’angolo, ma chissà se la legislatura finirà nei tempi previsti.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram