Dalla sfida Fini-Rutelli al lancio di Andrea Ronchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Venti anni fa, si concludeva l’entusiasmante sfida tra Francesco Rutelli e Gianfranco Fini per la poltrona di Sindaco di Roma. Vinse il primo di 3 punti percentuali. Il secondo perse e insieme con lui, due decenni dopo, scompare un’intera classe dirigente. Colpa forse degli eventi o di un solo uomo travolto da una serie di circostanze precise che hanno segnato per sempre la storia della destra italiana. Prima la svolta di Fiuggi nel 1995, che ha cancellato il Movimento sociale italiano e poi il Predellino nel 2007, con Alleanza Nazionale risucchiata nel grande contenitore di plastica del Pdl; date che i militanti di destra, purtroppo, non dimenticheranno mai. Personalmente ricordo come un incubo il giorno in cui Andrea Ronchi fu nominato ministro della Repubblica. E non avrei mai immaginato di veder accostare la destra sociale a un appartamento di Montecarlo. Ma la questione, forse, è assai più complessa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA