David Rossi, nuovi dubbi sulle ultime ore. Al suicidio non crede neppure l’ex direttore finanziario di Mps

David Rossi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Altri dubbi sulla morte dell’ex capo della comunicazione del Monte dei paschi di Siena, David Rossi, trovato il 6 marzo 2013 privo di vita sotto la finestra del suo ufficio di Rocca Salimbeni (qui tutti gli articoli sul caso).

David Rossi, Pirondini: “Mi ha stupito che abbia commesso un gesto di quel tipo”

Audito dalla Commissione parlamentare d’inchiesta, impegnata a far luce su quello che gli inquirenti ritengono un suicidio ma su cui vi sono appunto tanti sospetti, ieri Daniele Pirondini, ex direttore finanziario di Mps, ha ricostruito il suo rapporto con la vittima. E ha dichiarato: “Mi ha stupito che abbia commesso un gesto di quel tipo in un simile contesto della banca, vuol dire che ci devono essere altri motivi che non la situazione generata dal tam tam sui problemi del Monte dei Paschi”.

Il dirigente ha quindi parlato dell’acquisizione di Banca Antonveneta e delle conseguenze dell’acquisto di Banca 121. “Conoscevo David Rossi dal punto di visto lavorativo – ha detto – e un gesto del genere poteva essere fatto da una persona debole psicologicamente ma che era coinvolta in maniera diretta. David Rossi dal mio punto di vista non lo era”.

Pirondini ha quindi precisato che nelle trattative per l’acquisizione di Antonveneta da parte di Mps Rossi non era assolutamente coinvolto. Ancora: “Dico che è molto strano che si sia ucciso per paura di perdere il lavoro, perché era molto bravo, molto conosciuto e non avrebbe avuto difficoltà a trovare un altro lavoro consono”.