Definizione agevolata avvisi bonari: il modello di autodichiarazione dell’Agenzia delle entrate e le nuove scadenze

Definizione agevolata avvisi bonari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Definizione agevolata avvisi bonari: da parte dell’Agenzia delle Entrate è stato pubblicato il modello di autodichiarazione che presenta una nuova scadenza da dover considerare e far attenzione.

Definizione agevolata avvisi bonari: il modello di autodichiarazione dell’Agenzia delle entrate

Il modello che dovranno utilizzare i contribuenti beneficiari della sanatoria introdotta dal decreto Sostegni n. 41/2021 è stato pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 27 aprile 2022. Si tratta dello stesso modulo per l’indicazione degli aiuti di Stato.

La presentazione non è obbligatoria per i soggetti che hanno già reso una dichiarazione sostitutiva in sede di presentazione della comunicazione/istanza per l’accesso agli aiuti per i quali il relativo modello includeva l’autodichiarazione.

Le nuove scadenze

La prima scadenza da considerare è fissata al 30 giugno 2022. L’invio dell’autodichiarazione dovrà essere effettuato in ogni caso entro 60 giorni dal pagamento delle somme dovute o della prima rata.

Doppia scadenza se il termine di pagamento è successivo al 30 giugno per i contribuenti beneficiari di altri aiuti rispetto a quelli indicati nel quadro A, sezione I del modello. La presentazione potrà essere effettuata all’Agenzia delle Entrate, in via telematica direttamente dal beneficiario o tramite un intermediario, dal 28 aprile fino al 30 giugno 2022.

Leggi anche: Rottamazione cartelle esattoriali 2018 e 2019: l’ipotesi allo studio del Governo