Demenza senile, un caso su tre si può prevenire. Ecco quanto incidono gioventù, mezza età e terza età

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un caso di demenza su tre potrebbe essere prevenuto, se ci si prendesse più cura della salute del cervello nel corso della vita. è quello che emerge da uno studio internazionale pubblicato su The Lancet, che elenca 9 fattori chiave che contribuiscono al rischio di demenza, una delle più note e frequenti è l’Alzheimer.

Ognuno è legato a differenti fasi della vita: gioventù, mezza età e terza età. Tra questi c’è il basso livello di istruzione, il mancato trattamento della perdita dell’udito, l’ipertensione, l’obesità, il vizio del fumo, il diabete e l’isolamento. Il 35 percento delle diagnosi di demenza scaturisce proprio da uno di questi fattori. Entro il 2050, ammoniscono gli esperti, 131 milioni di persone nel mondo potrebbero fare i conti con una demenza. E stando alle stime sono 47 milioni le persone che oggi ne soffrono.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA