Deraglia la locomotiva tedesca

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

L’Europa ora trema. La locomotiva tedesca si è fermata. Il pil della Germania ha registrato una contrazione dello 0,2% nel secondo trimestre, peggio delle previsioni iniziali. E così, dopo Roma e Parigi, anche Berlino vede i fantasmi. Insomma c’è da preoccuparsi anche perché, al di là di quello che qualcuno sostiene in questi giorni, non si tratta per la Germania di un calo momentaneo.

Anzi i principali indicatori lasciano presagire un ulteriore indebolimento dell’attività economica della Germania. Il terzo trimestre potrebbe, quindi, essere ancora problematico per i tedeschi. Senza dimenticare il contraccolpo che Berlino avrà dallo scambio di sanzioni tra Russia e Europa.

Berlino, secondo gli analisti, dovrà dunque darsi una mossa visto anche l’indebolimento di due partner commerciali come Italia e Francia. Per la Merkel sembra essere venuto il momento di riformare l’economia, troppo legata ancora agl’interventi su mercato del lavoro e welfare varati nel 2004.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA