Chissenefrega dei Valori. Di Pietro jr condannato per danno erariale. Dovrà restituire alla regione Molise 12.500 euro. Fondi per i gruppi utilizzati per finanziare il partito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli ex consiglieri regionali dell’Italia dei Valori in Molise sono stati condannati per danno erariale. Tra di loro c’è Cristiano Di Pietro, figlio dell’ex leader nazionale Antonio. Di Pietro junior è stato condannato al pagamento di 12.500 euro in favore della Regione Molise. La sentenza si riferisce alle attività politiche condotte in Consiglio regionale nel 2012 e riguarda anche gli altri due componenti dell’allora gruppo consiliare dell’Italia dei Valori, Cosmo Tedeschi e Carmelo Parpiglia. Il danno erariale ammonta a 44.506 euro: 23.200 euro è la quota imputata a Tedeschi, 8.800 quella a Carmelo Parpiglia. Nella sentenza si legge che i tre esponenti avrebbero sostenuto spese non riconducibili alle esigenze del gruppo: dai versamenti al partito alle bollette. Immediato l’annuncio del ricorso da parte del legale dei tre: “Faremo ricorso in appello perché a nostro avviso non ci sono gli elementi che la Corte ha riconosciuto. C’è inoltre una recente pronuncia della Corte Costituzionale in materia successiva alla decisione della Corte, che giustifica l’appello”.