Difesa, una norma per evitare i tagli. Alla Camera approvato un testo unificato per rinviare il termine sulla riduzione del contingente

Difesa D'Uva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Parlamento sta cercando di correre ai ripari per evitare i tagli alle forze armate previsti dalla legge Di Paola. Ieri, in Commissione difesa alla Camera dei deputati, è stato approvato un testo unificato per la modifica degli assetti organizzativi e strutturali della Difesa, incentrato sul differimento del termine per la riduzione del contingente delle forze armate e allo stesso tempo sulla revisione degli assetti organizzativi e strutturali della difesa delegata al Governo.

“Si tratta di un importante passo per rendere ancora più efficiente il nostro strumento militare”, ha dichiarato il deputato questore pentastellato Francesco D’Uva (nella foto), membro della stessa Commissione difesa. Ancora: “Il documento approvato rispecchia la visione dual use che come Movimento 5 Stelle proponiamo da anni. Fondamentale è sicuramente l’indicazione di delega al Governo affinché si riequilibri la presenza delle singole forze armate in ambito interforze e internazionale”.

Prevista nelle prossime settimane l’approvazione definitiva del testo in Commissione per poi passare in Aula. Una corsa contro il tempo per evitare i mille problemi che verrebbero causati dai previsti tagli alle forze armate. “L’obiettivo – sostiene il pentastellato D’Uva – è garantire un’adeguata rappresentatività delle forze armate, anche in virtù della rilevanza ricoperta da ognuna nell’assetto strategico del nostro Paese”. L’esponente pentastellato ha quindi ringraziato il capogruppo Gianluca Aresta, relatore del testo unificato, impegnato fortemente sul provvedimento.

Leggi anche: La ripartenza di Draghi è una bomba. Palazzo Chigi punta sulle armi. Il consigliere militare del premier spinge sull’export. E si lamenta per la riduzione del business dal 2016.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA