Disagio Capitale. Pure oggi il trasporto pubblico locale di Roma è un disastro: ora mancano pure vetture e treni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continuano i disagi per il trasporto pubblico locale di Roma. Dopo ieri, infatti, è continuato il disagio nella Capitale, a causa di indisponibilità di vetture, non solo per manifestazioni, incidenti o per il falso allarme bomba alla fermata Colosseo della linea B della metropolitana. Disagi che si registrano nonostante lo sciopero, inizialmente previsto per oggi, ma che poi è stato sospeso. Sono state infatti differite le proteste che erano state proclamate in Atac e RomaTpl, entrambe di quattro ore, ma su iniziativa di differenti sigle sindacali.

Nel dettaglio il servizio della linea Termini-Centocelle, dopo uno stop, è stato ripristinato con “residui forti ritardi”, come si legge sul sito di Atac, per un soccorso ad un viaggiatore alla stazione S. Elena in direzione Termini. Non solo: tale linea ferroviaria subisce disagi per “indisponibilità treni”.

E ancora: la linea 337 è stata “in forte ritardo” con deviazione per un incidente a Tor Lupara. Mentre le le linee 188 e 303 sono state non attive, ancora per indisponibilità vetture.

Resta ancora momentaneamente non attiva per indisponibilità di vetture la linea 52. Rallentamenti nella tratta urbana della Roma-Viterbo per un inconveniente tecnico a impianti di circolazione nei pressi della stazione Euclide.

Come se non bastasse, sono scoppiate anche manifestazioni improvvise e la cosa ha portato a deviazioni su via Tiburtina altezza civico 1123, in zona Tor Cervara, per le linee 040, 043, e 041. Sempre a causa della suddetta manifestazione si verificano rallentamenti sulle linee 343, 344, 347, 447, 437, 404, 444.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA