Disintossicarsi dallo stress è possibile. A La Spezia il 19 e 20 ottobre l’unica data italiana del corso “Stress Detox”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La sindrome di Burnout, letteralmente crollo, è la risposta ad uno stress emotivo cronico e persistente, caratterizzato da esaurimento fisico ed emotivo, sensazione di perdita di significato del proprio operato, negatività, cinismo legato al lavoro o ridotta produttività. Si tratta, tuttavia, di una sindrome e non di una condizione medica, come stabilito di recente dall’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha anche fornito direttive ai medici per diagnosticare tale condizione. Il primo ad occuparsi di Burnout è stato lo psicologo Herbert Freudenberger con un articolo scientifico pubblicato nel 1974; in genere colpisce coloro che sono impiegati nelle professioni di aiuto, nelle emergenze, nel sociale, come medici, infermieri, poliziotti, vigili del fuoco, assistenti sociali, ma può colpire anche altre categorie di lavoratori.

Oggi, secondo l’Istituto Nazionale della Salute americano, chiunque può soffrire di burnout, dalla celebrity alla casalinga. Il filo sottile che unisce le persone colpite da questa sindrome è lo stress cronico, ovvero quello prolungato nel tempo. Sono stressato/a è una delle frasi che ripetiamo più spesso, quasi in modo automatico, in risposta alla domanda: “Come stai”? E la nostra totale incosapevolezza di questa condizione interiore può essere altamente dannosa, poiché lo stress cronicizzato costringe l’organismo ad una situazione di costante tensione e allarme, (anche quando non sarebbe necessario), pregiudicandone energie e salute, fino a produrre malattie e disturbi,a tal punto da rendere difficile lo svolgimento di attività sociali o lavorative.

Ma che cos’è lo stress? Tutti possiamo dire di essere oggi stressati, ci stressiamo se nostro marito o nostra moglie si comportano in un certo modo, se non troviamo il lavoro dei nostri sogni, se non abbiamo i soldi che ci servono o se abbiamo problemi di salute. Con noi stessi, con gli altri, a lavoro ed in ogni forma di relazione, noi facciamo costantemente esperienza di stress. Lo stress è una tossina, un veleno che entra nel nostro corpo e che ci uccide dall’interno, uccide chi siamo e chi vogliamo diventare, ripetono in India, i fondatori della O&O Academy, (scuola di meditazione e filosofia per la trasformazione della coscienza umana), Krishanji e Preethaji.

Per aiutare le persone a gestire qualsiasi forma di stress hanno ideato un corso, Stress Detox, che diverse volte l’anno viene organizzato in vari paesi del mondo, tra cui l’Italia. Due giorni in cui si imparano 6 antiche potenti arti meditative per disintossicarsi dallo stress, partendo da un insegnamento prezioso: gli esseri umani possono vivere solo in due stati, o uno stato di sofferenza o un bellissimo stato, non ve ne è un terzo. Ecco perché la più importante domanda che ognuno di noi deve farsi è : in che stato voglio vivere? Lo stress, insegnano Preethaji e Krishnaji è una pre-immersione, una post- immersione ma anche una re-immersione in una situazione che porta a sviluppare emozioni spiacevoli, come ansia, senso di colpa, rabbia, frustrazione, nella mente e nel corpo.

La pre-immersione è quando anticipiamo un problema iniziando a viverlo nella nostra testa; la post immersione è invece un’esperienza finita nella vita ma non nella nostra testa, dove continua in loop. Infine dopo la pre immersione e la post immersione lo step successivo è la reimmersione in una situazione pressante, quando rimuginiamo su una situazione finita. Il classico esempio di quando litighiamo con qualcuno e continuiamo a rimuginarci sopra. Lo stress è il killer numero 1 che danneggia il corpo fisico e il cervello. Quando invece riusciamo a trasformarlo e a portaci in uno stato bello, le nostre vite fluiscono senza ostacoli, sono piene di magiche sincronicità e siamo in grado di trovare facilmente le soluzioni ai nostri problemi, siamo in pace con noi stessi e con quello che c’è.

Ma dove si accumula lo stress? Secondo quanto insegnano Krisnaji e Preethaji, oltre al corpo fisico noi abbiamo altri 4 corpi sottili; energetico, mentale, della saggezza e della beatitudine. In ognuno di questi campi lo stress si manifesta con “sintomi” e modalità differenti. Malattia ed invecchiamento precoce sono la manifestazione dello stress nel corpo fisico, la perdita di creatività avviene quando è interessato il corpo energetico, emozioni irrisolte e attaccamento alle ferite del passato sono le conseguenze dello stress nel campo mentale, incosapevolezza, ostacoli, idee limitanti sono presenti quando lo stress blocca il corpo della saggezza.

Proviamo infine assenza di gioia ed un’ esperienza meccanica della vita quando il problema è nel corpo sottile della beatutudine. Ma come possiamo liberarci dallo stress che si accumula nei 5 corpi? Per ognuno di essi c’è una modalità ed una pratica differente che si può imparare durante il corso Stress Detox, da utilizzare in ogni momento della giornata in cui ci si sente sotto pressione, per uscire da uno stato di sofferenza e tornare il più rapidamente possibile in un beautiful state. In Italia il prossimo corso Stress Detox è in programma il 19/20 ottobre 2019 presso Il Giardino Degli Angeli, località Framura, La Spezia (Per informazioni potete contattare il 348/2483071 www.oo.academy oppure www.sincronizzati.org).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA