Disoccupazione, un dramma senza limiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Dopo la crescita della fiducia delle imprese arriva un altro dato quello sulla disoccupazione. E non è altrettanto positivo. Perché se è vero che nello scorso mese di settembre è cresciuto il numero degli occupati in Italia, nel computo annuale si registra ancora un’impennata della disoccupazione. Secondo l’Istat, nel complesso, il numero di disoccupati a settembre è pari a 3 milioni 236 mila in aumento dell’1,5% rispetto ad agosto (+48 mila) e dell’1,8% su base annua (+58 mila). Mai così alto dall’inizio delle serie storiche (2004) mentre il tasso di disoccupazione al 12,6% si mantiene sui livelli già noti e altissimi.

UN PICCOLO SEGNALE
Secondo le stime provvisorie dell’Istat, lo scorso mese, gli occupati sono 22 milioni 457mila, in aumento di 82mila unità (+0,4%) su base mensile e di 130mila (+0,6) su base annua. Dopo quattro anni neri, nella maniera più assoluta, il tasso di occupazione è tornato a salire attestandosi al 55,9%. Secondo i tecnici dell’Istat, l’aumento del numero di occupati “sitratta di un primo segnale positivo dopo mesi in cui l’occupazione aveva raggiunto livelli minimi”. Il tasso di occupazione, pari al 55,9%, salito di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,5 punti rispetto a dodici mesi prima. Cala anche il tasso di disoccupazione giovanile, anche se il dato appare drammatico e con pochi eguali. A settembre si è attestato al 42,9%, giù dello 0,8% rispetto ad agosto ma in rialzo dell’1,9% nel confronto con settembre 2013. Sono questi i dati dell’Istat. I ragazzi senza lavoro, tra i 15 e i 24 anni, sono 698 mila. L’incidenza dei disoccupati di 15-24 anni sulla popolazione in questa fascia di età è pari all’11,7%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in aumento di 0,6 punti su base annua. È senza lavoro l’11,7% del totale della popolazione in questa fascia di età. E per questa fascia d’età, un’approfondita analisi del Centro studi “Impresa Lavoro”, ha dimostrato anche il totale fallimento del programma comunitario “Garanzia giovani”: “Doveva favorire l’occupazione. Ma ogni offerta di lavoro ci è costata 58.700 euro”, questa l’amara considerazione finale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA