Dopo 9 anni tornano a salire gli stipendi. La spinta maggiore arriva dai dipendenti pubblici. Ma anche nel privato l’andamento è positivo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo 9 anni tornano a salire gli stipendi e la spinta maggiore arriva dai dipendenti pubblici. Lo rileva l’Istat nell’Annuario. Nello specifico, dopo una fase di decelerazione che perdurava da nove anni, le retribuzioni contrattuali orarie nel totale economia sono tornate ad aumentare (+1,5%). Tale variazione è stata determinata per più di due terzi dai miglioramenti economici intervenuti nell’anno. Il contributo maggiore è derivato dagli aumenti retributivi previsti per la quasi totalità dei dipendenti pubblici (+2,6 per cento) dopo il blocco contrattuale che si protraeva dal 2010. Nel settore privato – rileva Istat – la crescita ha presentato un andamento più regolare (+1,1 per cento) come sintesi di una dinamica più favorevole nei servizi privati (+1,3 per cento) rispetto a quella dell’industria (+0,9 per cento).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA