Dopo Dallas, Houston. La Polizia uccide un altro afro-americano. Era armato e avrebbe minacciato gli stessi agenti. Aperta un’inchiesta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un uomo di colore è stato ucciso da agenti di Polizia a Houston, in Texas, dopo che questo – secondo la versione della Polizia – aveva agitato una pistola puntandola anche contro i poliziotti. Lo riferiscono le autorità locali.

Non si placa dunque lo stato d’agitazione tra comunità afro-americana e Polizia dopo i fatti di Dallas. L’ennesimo omicidio è accaduto nella notte nella parte sud di Houston dove gli agenti hanno notato l’uomo armato in strada che, alla loro richiesta di mettere giù la pistola ha risposto prima agitandola in aria e poi contro i poliziotti. Gli agenti hanno a quel punto aperto il fuoco, esplodendo diversi colpi e uccidendo l’uomo.

La vittima si chiamava Alva Braziel. I due agenti sono due veterani della Polizia di Houston, con 10 e 13 anni di esperienza. È già stata aperta un’indagine.

La morte dell’uomo arriva in giorni caldissimi per la tensione razziale negli Usa, con i due uomini di colore uccisi in Louisiana e in Minnesota e con la morte di 5 agenti della polizia di Dallas uccisi da un cecchino. La Polizia stessa si è posta sul piede di guerra, ritenendo responsabile di quanto sta accadendo anche lo stesso Barack Obama.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA