Dopo quasi 30 anni di ritardo, ok della Camera al reato di tortura: ora una legge esiste (anche se debole). Si astengono Mdp e Cinquestelle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Aula della Camera ha approvato in via definitiva il ddl che introduce il delitto di tortura nell’ordinamento italiano. I sì sono stati 198, i no 35, gli astenuti 104. Hanno votato a favore Pd e Ap, mentre molte forze si sono astenute, tra cui M5S, Sinistra italiana e Mdp.

“Da oggi, anzi da adesso, la tortura è un crimine anche in Italia. E’ dal 1998 che lottiamo con Antigone per questo risultato. Molta amarezza per un dibattito in parte penoso e per un testo frutto di mille insopportabili compromessi. Da domani comunque noi cercheremo di fare applicare la legge nei tribunali. E lotteremo per cambiarla in meglio”. Questo il commento di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, su Facebook.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA